19 ottobre 2014

D’amore e di sogni. Di ecologia e pannolini lavabili. Storia di una mamma e del suo amore per i figli e per la natura.

19 ottobre 2014

 

"Quando sono rimasta incinta del mio secondo bimbo sono stata travolta da un mix di emozioni contrastanti… gioia, paura e un senso di smarrimento per alcuni problemi che mi trascinavo dietro dalla mia prima maternità.

 

Teresa, la mia prima bambina nacque inaspettatamente il 2 novembre 2011, era piccola e pigra e il mio allattamento stentava a partire. 

Quando venni dimessa mi dissero che non avevo latte e che da allora, ogni volta, dopo averla attaccata cinque minuti a seno, avrei dovuto darle l’artificiale… 

Dopo due mesi di allattamento misto mollai, mentre nonne e zie mi dicevano che tanto cresceva bene lo stesso e io mi autoconvincevo.
In realtà stavo malissimo per non essere stata capace di nutrirla! 

 

Il latte artificiale dà degli orari e sazia molto. Così lei dormiva beata nella sua carrozzina e io mi sentivo sempre più vuota…
Tutti mi dicevano che stava andando tutto bene, ma io quella bimba la sentivo a volte lontana e distaccata. 

Ma come in tutte le cose andiamo avanti e ci appoggiamo ai consigli di chi ci vuole bene, per insicurezza!

Abbiamo poi deciso di avere un altro bimbo ed è arrivato subito.
La prima cosa che ho pensato è stata “Io lo voglio allattare”!

 

Ed è da qui che ha avuto inizio il mio percorso. 

Ho subito cercato una consulente nella mia zona, ahimè invano, ma in rete mi sono poi imbattuta in molti articoli interessanti e in un gruppo su facebook “Sostegno all’allattamento naturale”. 

Ho iniziato a leggere e un giorno timorosamente ho chiesto se era possibile allattare un secondo bimbo non avendolo fatto con la prima… e da li mi si è aperto un mondo di libri, informazioni, supporto! 

 

Sempre su facebook chiesi come lavare il corredino del nascituro e sul gruppo “Le (Eco)nome” iniziai a prendere confidenza con percarbonato di sodio, acido citrico, sapone di Marsiglia, autoproduzione e conduzione ecologica ed economica della vita casalinga. 

La nostra vena ecologica era già presente: abitiamo in campagna con orto, pozzo per l’acqua potabile, termocamino, impianto fotovoltaico e amore, tanto amore per la natura!  

 

Già con Teresa avevo avuto l’idea di utilizzare i pannolini lavabili vedendoli un giorno all’Ipercoop, ma con gli orari delle poppate, il lavoro che stava riprendendo, il classico svezzamento, che richiede tempo e pazienza, abbandonai subito l’idea. 

Sempre su facebook mi venne consigliato un gruppo per i pannolini lavabili e l’autosvezzamento e quindi mi misi a studiare per bene.

 

Era un mondo che non conoscevo assolutamente… decisi comunque di rimandare l’acquisto dei miei primi pannolini lavabili a dopo la nascita del piccolo.

Il termine della mia gravidanza si stava avvicinando e il mix di emozioni era sempre li: gioia, paura e timore verso i sentimenti della mia bambina grande

Comprai quindi il libro di Giorgia Cozza “Benvenuto fratellino, benvenuta sorellina”, la prima cosa che mi colpì fu un’immagine di una mamma che portava il suo bimbo in fascia… altro mondo sconosciuto! 

 

Mi misi subito alla ricerca perché in me scattò l’idea che quella sarebbe stata la nostra soluzione ideale…
Dopo ricerche e ricerche, capii che c’erano consulenti del Portare in fascia specializzate e ne cercai subito una. Incontrai così la dolce Giulia che mi fece innamorare delle fasce e del meraviglioso mondo del portare! 

 

Il 18 marzo 2014 Antonio nacque, veloce come un lampo.

Io con tutte le informazioni acquisite, mi sentivo forte e invincibile. Il mio piccino si attaccò subito al seno come un leone e io ero al settimo cielo: sapevo che stavolta sarebbe andato tutto bene (anche se i sensi di colpa nei confronti di Teresa mi spezzavano il cuore!). 

 

Tornati a casa, iniziai subito a metterlo nella fascia elastica e decisi che dovevo comprare i miei primi pannolini lavabili. 

Contattai un sito italiano e creai un kit comprensivo di due fitted più cover, due pocket, due prefold e un gancetto snappy… 

Amore a prima vista! 

Per una settimana usai gli usa e getta per la notte, ma capii subito che quella dei pannolini lavabili era la nostra direzione. 

 

Un giorno a pranzo con mio marito dissi, “qui da noi c’è troppa disinformazione…come sarebbe aprire una fascioteca e pannolinoteca?”.
Lui come al solito mi incita sempre ed io iniziai così ad informarmi.  

 

Con il piccolo che aveva un mese, decisi di scrivere al sindaco del mio paese per chiedere incentivi per l’utilizzo dei pannolini lavabili, pit stop allattamento e cambio pannolino nelle varie attività commerciali e incontri informativi tra mamme. 

Dopo due mesi venni contattata dall’assessore all’ambiente e alle politiche sociali e dalla responsabile dei servizi sociali del mio comune, il Comune di Cortona. 

 

Mi presentai in ufficio con il mio bimbo che dormiva nel mei tai e una valigia di pannolini!

Loro si mostrarono davvero interessati e curiosi… Decidemmo così insieme di iniziare una campagna di sensibilizzazione sui pannolini lavabili in previsione di dare incentivi e aprire una pannolinoteca comunale. 

 

Nel frattempo mi ero associata a “Non Solo Ciripà”, un’associazione di genitori impegnati a promuovere e a far conoscere l'uso dei pannolini lavabili, aiutando le famiglie che si avvicinano a questa scelta.

Il mio comune in occasione dell’iniziativa “PULIAMO IL MONDO” iniziò quindi insieme a me un percorso di informazione e sensibilizzazione. 

Fui contattata dall’equipe del progetto "Nati per leggere" (pedagogista, coordinatrice asili nido comunali, pediatra, vice sindaco).  

L’intenzione era quella di inserire insieme alle letture animate in biblioteca, incontri per le mamme sui temi del parto, dell’alto contatto, dell’allattamento, del portare in fascia e dell’autosvezzamento. 

Erano inoltre intenzionati a ricevere informazioni sui pannolini lavabili per poterli introdurre negli asili nido!

Poco dopo il comune ha deciso di aderire anche alla SEER, Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti.

 

Ancora è tutto in corso d’opera, ma stiamo lavorando a un bellissimo progetto.

Mi sento riscattata e finalmente alleggerita dai sensi di colpa che avevo verso Teresa.

Lei è sempre con me nei miei incontri, lei è tornata a dormire con noi, lei ha bevuto il mio latte.

 

Essere mamma è un’esperienza meravigliosa… e grazie ai miei figli sento di aver trovato la mia strada.


Mi sento un vulcano di idee e voglio trasmettere un unico messaggio: non abbiate paura ma credete nei vostri sogni e nelle vostre passioni,  per un futuro e un mondo migliore… il mondo dei nostri cuccioli!"

 

(Francesca Pagliai)

 

 

L'AUTRICE

Mi chiamo Francesca e sono mamma di Teresa (3 anni) e Antonio (7 mesi). Ho vissuto due gravidanze diverse ma entrambe belle e anche il parto è stato un momento di forti emozioni e sensazioni. Un’esperienza totale che mi ha permesso di conoscere me stessa, il mio corpo e il mio modo di accogliere una nuova vita. Vivo nella verde e ridente campagna cortonese e porto la mia esperienza, con la speranza di essere di aiuto alle future e neo mamme.
Sono insegnante di scuola dell’infanzia e ciripina (mamma dell'associazione Non Solo Ciripà).

  

ELENCO DI GRUPPI DI SUPPORTO E AUTO-AIUTO PER MAMME E GENITORI SU FACEBOOK

 

UN ELENCO DI TESTI UTILI

 

Sui pannolini lavabili:

  • Pannolini lavabili. Guida all’uso dei pannolini di tessuto dalla nascita al vasino, di Giorgia Cozza

 Sull'allattamento: 

  • Allattare è facile, di Giorgia Cozza, ed Il leone verde
  • Latte di mamma... tutte tranne me! Quando l’allattamento non funziona: riflessioni, testimonianze e consigli pratici di Giorgia Cozza, ed. Il leone verde
  • L’arte dell’allattamento materno, La Leche League
  • Allattare un Gesto d'Amore, di Tiziana Catanzani e Paola Negri

 Sulla maternità: 

  • Neomamma è facile. Suggerimenti da seguire per vivere con gioia e serenità i primi mesi con il proprio bambino, di Giorgia Cozza, ed Il leone verde
  • Bèsame mucho. Come crescere i figli con amore, di Carlos Gonzalez 
  • E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini, di Alessandra Bartolotti
  • Bebè a costo zero. Guida al consumo critico per accogliere e accudire al meglio il nostro bambino, di Giorgia Cozza 

Sul sonno:

  • La nanna è facile, di Giorgia Cozza, ed Il leone verde

 Su svezzamento e alimentazione:

  • La pappa è facile, di Giorgia Cozza, ed Il leone verde
  • Il mio bimbo non mi mangia, di Carlos Gonzalez, ed Bonomi 
  • Io mi svezzo da solo! Dialoghi sullo svezzamento, di Lucio Piermarini,  ed Bonomi 
  • Lascia che il tuo bimbo si svezzi da solo, di Gill Rapley, Tracy Murkett
  • Cucina etica per mamma e bambino, di Emanuela Barbero, Antonella Sagone

 

L'Associazione Non Solo Ciripà

Sito web dell'associazione Non Solo Ciripàhttp://www.nonsolociripa.it/

Pagina facebook dell'associazione Non Solo Ciripà: https://www.facebook.com/nonsolociripa.it

Trova la mamma Ciripà più vicina a te: http://www.nonsolociripa.it/index.php/contatti

 

 

Aggiungi Commento


  • Commento
  • Anteprima
Caricamento

Sviluppato da Antimonio Creative Farm

Condizioni di utilizzo
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.

Note legali e copyright

PELLE A PELLE aderisce al Codice delle Buone Pratiche dei Blogger